mamacrowd-logo

Gestione del portale

CHI GESTISCE IL PORTALE

Il Portale per la raccolta di capitali on line denominato mamacrowd.com è gestito dalla società Mamacrowd S.r.L., capitale sociale € 73.002,82 interamente versato, numero di iscrizione al registro Imprese di Milano, codice fiscale e partita iva 07464370969.

Mamacrowd s.r.l. è iscritta al n. 8 della sezione ordinaria del registro dei portali on line per la raccolta di capitale di rischio da parte di startup innovative, come da delibera CONSOB n. 19002 del 6 agosto 2014.

Le informazioni relative ai fondatori di Mamacrowd S.r.L. e al team di Mamacrowd sono contenute nella pagina chi siamo del Portale

Altri link nella pagina:

 

REQUISITI PATRIMONIALI DEL GESTORE

Come previsto dall’articolo 7-bis del Regolamento Consob 18592/2013 il gestore ha stipulato un’assicurazione a copertura della responsabilità per i danni derivanti al cliente dall'esercizio dell'attività professionale, polizza numero 390738827 - Generali Italia S.p.A..

 

COSA FACCIAMO E COME SELEZIONIAMO LE OFFERTE

Mamacrowd inserisce nel Portale progetti degli offerenti che intendono collocare strumenti finanziari rappresentativi del loro capitale sociale on line attraverso il Portale per la raccolta di capitali on line (portale di equity crowdfuding) www.mamacrowd.com.

La selezione dei progetti da inserire nella 'vetrina' rappresentata dal Portale avviene ad opera del team di gestione offerte di Mamacrowd, previa la verifica della liceità del progetto e della sua non contrarietà a norme di legge, all'ordine pubblico o al buon costume.

Prima di poter pubblicare un'Offerta sul Portale è necessario che il promotore dell'iniziativa espleti la procedura di registrazione prevista sul Portale, compilando tutti i campi richiesti relativi al promotore stesso e al progetto.

Una volta completata la creazione del profilo sul Portale a cura del promotore dell'iniziativa, il team di Mamacrowd (contattabile all'indirizzo info@mamacrowd.com) provvede, in contraddittorio con il promotore, alla verifica del possesso dei requisiti previsti dalla vigente normativa in tema di raccolta di capitali tramite portali on line.

Verificata la sussistenza dei pre-requisiti di legge, Mamacrowd si riserva, comunque, la facoltà, di decidere se dare corso alla pubblicazione di un progetto sul proprio Portale.

La mancata pubblicazione di un'Offerta sul Portale, non è, comunque, da intendersi come una valutazione negativa delle potenzialità dell'iniziativa e non preclude possibili future pubblicazioni, quando il progetto soddisferà pienamente i requisiti per la sua diffusione.

 

Modalità per la gestione degli ordini

Mamacrowd non può detenere somme di denaro di pertinenza degli Investitori né eseguire direttamente gli ordini per la sottoscrizione degli strumenti finanziari offerti sui propri portali, dovendo a tal fine trasmetterli esclusivamente tramite una banca o un'impresa di investimento (“i soggetti che ricevono e perfezionano gli ordini”).

I soggetti che ricevono e perfezionano gli ordini:

  • curano il perfezionamento degli ordini che ricevono dal Gestore e tengono informato quest'ultimo sui relativi esiti;
  • operano nei confronti degli Investitori non professionali, ad eccezione delle operazioni di valore sotto la soglia di cui all'art. 17 comma 4 del Regolamento , nel rispetto delle disposizioni applicabili contenute nella Parte II del Testo Unico dei mercati Finanziari e nella relativa disciplina di attuazione;
  • assicurano che per ciascuna Offerta la provvista necessaria al perfezionamento degli ordini sia costituita su un conto indisponibile ('escrow account') destinato all'Offerente e acceso presso gli soggetto che ricevono e perfezionano gli ordini.

 

COSTI CONNESSI ALL'INVESTIMENTO

Il dettaglio dei costi connessi all'investimento effettuato tramite portali on line per la raccolta di capitali viene pattuito:

  • con l'Offerente, sul contratto afferente l'Offerta,
  • con l'Investitore, sul contratto stipulato con la Banca o l'impresa di investimento per la prestazione del corrispondente servizio di investimento.

(Nota: generalmente, il Portale non applica costi a carico degli Investitori; qualora, invece, fossero previsti, ne verrebbe data opportuna informativa in questa sede e nel documento informativo per l'investitore)

E' opportuno sottolineare che Mamacrowd:

  • non prevede costi a carico degli Investitori (Nota: generalmente, il Portale non applica costi a carico degli Investitori; qualora, invece, fossero previsti, ne verrebbe data opportuna informativa in questa sede e nel documento informativo per l'investitore).
  • In caso di esito positivo (perfezionamento) dell'Offerta, a titolo di corrispettivo per i servizi prestati, applica all'Offerente una commissione determinata in percentuale sul capitale effettivamente raccolto e variabile a seconda dell'Offerta. L'Offerente dovrà pagare tale corrispettivo solo nel momento in cui sarà perfezionato l'aumento di capitale secondo tutti i requisiti previsti nel documento di Offerta.

Le spese a carico degli Investitori per la trasmissione degli ordini ai soggetti che ricevono e perfezionano, se presenti, sono indicati nella scheda informativa relativa a ciascuna Offerta.

 

Misure predisposte per ridurre e gestire i rischi di frode

In conformità a quanto previsto dall’art. 14, comma 1, lett. e) del Regolamento CONSOB, n. 18592/2013 e s.m.i. (di seguito, anche il "Regolamento"), sono predisposte le presenti misure per ridurre e gestire i rischi di frode.

Per politica per la “Prevenzione delle Frodi” si intendono le misure messe in atto da Mamacrowd, di seguito descritte, atte a prevenire:

  1. frodi legate alla eventuale intrusione nel Portale da parte di terzi non autorizzati;
  2. frodi legate alla liceità dei progetti portati avanti Offerenti;
  3. frodi legate alle informazioni pubblicate sul Portale;
  4. frodi legate all'utilizzo improprio da parte dell’Offerente dei fondi raccolti dagli Investitori;
  5. frodi legate alle transazioni finanziarie;

In tale contesto sono attuate le seguenti misure e precisamente:

 

1) Con riferimento alle frodi legate alla eventuale intrusione nel Portale da parte di terzi non autorizzati:

Mamacrowd predispone adeguati sistemi di sicurezza informatica in grado di proteggere il proprio sistema informatico da accessi esterni non autorizzati, attraverso l'utilizzo di apparati firewall correttamente posizionati nella rete che consentono altresì di rilevare e tracciare qualsiasi tentativo di accesso mediante:

  • identificazione degli Offerenti prima della pubblicazione di qualsiasi informazione sul Portale;
  • consegna agli Offerenti di credenziali personalizzate di accesso al Portale, da tenere riservate sotto la diretta responsabilità degli Offerenti.

2) Con riferimento alle frodi legate alla liceità dei progetti portati avanti dagli Offerenti:

Qualora l’Offerente non provenga da un percorso di incubazione presso incubatori presenti sul territorio nazionale od internazionale, il team di gestione offerte di Mamacrowd (incaricato di eseguire le verifiche antifrode) sottopone, nel caso di riscontro di anomalie o ove ne rilevi le condizioni di opportunità ai fini della tutela degli interessi degli Investitori, il progetto presentato dagli Offerenti ad un proprio 'Comitato di validazione offerte' chiamato ad esprimersi sulla liceità del progetto, il quale verifica la sussistenza delle condizioni e dei requisiti richiesti dal Regolamento.

3) Con riferimento alle frodi legate alle informazioni pubblicate sul Portale:

Mamacrowd effettua una verifica circa i requisiti previsti dal Regolamento per l'ammissibilità delle offerte sul Portale. Si evidenzia tuttavia che le informazioni fornite sul Portale dagli Offerenti sono di esclusiva pertinenza e responsabilità degli Offerenti stessi.

Si evidenzia altresì, per quanto riguarda la documentazione relativa alle offerte degli Offerenti, che le stesse sono pubblicate sul Portale a seguito di un aumento di capitale effettuato dinanzi ad un Notaio il quale, a sua volta, pone in essere i controlli di legge necessari e propedeutici alla redazione del relativo verbale.

4) Con riferimento alle frodi legate all'utilizzo improprio da parte dell'Offerente dei fondi raccolti dagli Investitori:

Poiché l'Offerente ed il suo management sono unicamente responsabili dell'utilizzo dei fondi raccolti dagli Investitori, Mamacrowd non può compiere alcuna attività di controllo in tal senso e rinvia sul punto alle attuali norme societarie e, eventualmente, penali relative alla materia.

5) Con riferimento alle frodi legate alle transazioni finanziarie:

Poiché per le transazioni finanziarie Mamacrowd si appoggerà completamente al sistema bancario, Mamacrowd rinvia ai presidi anti-frode predisposti da tali soggetti.

Trattamento dei dati personali

Mamacrowd ha nominato un Responsabile privacy che ha il compito di coordinare le diverse misure organizzative adottate per il corretto trattamento dei dati personali e delle informazioni ricevute dai clienti.

Mamacrowd ha predisposto un'adeguata architettura informatica in grado di proteggere il proprio sistema informatico da accessi esterni non autorizzati, con un controllo effettuato mediante l'uso di apparati firewall correttamente posizionati nella rete che consentono altresì di rilevare e tracciare qualsiasi tentativo di accesso.

Gli utenti sono invitati a prendere visone dell'informativa sulla privacy disponibile nella sezione privacy del sito

 

Policy Conflitti di Interesse

Per conoscere le misure predisposte per prevenire e gestire i conflitti di interesse tra il gestore del Portale www.mamacrowd.com, gli Offerenti e gli Investitori visita questo link.

GESTIONE DEI RECLAMI

Il cliente potrà proporre un reclamo ufficiale a Mamacrowd inviando una comunicazione scritta al seguente indirizzo: “Siamosoci S.r.L.” - Ufficio Compliance Mamacrowd – Via Timavo, 34 – 20125 MILANO, oppure attraverso una email con oggetto “reclamo” all'indirizzo di posta elettronica: support@mamacrowd.com.

Il Cliente dovrà indicare nel reclamo:

  1. gli estremi necessari ad una corretta identificazione;
  2. l'operazione o il servizio a cui il reclamo si riferisce;
  3. una descrizione sintetica dei motivi della doglianza;
  4. i presunti danni o inadempimenti al Contratto subiti;
  5. l'eventuale corrispondenza intercorsa con Mamacrowd prima del reclamo.

 

Gli elementi essenziali del reclamo ricevuto saranno trascritti fedelmente, in ordine cronologico, nell'apposito Registro dei Reclami.

Mamacrowd si è dotata di specifiche procedure interne idonee ad assicurare una sollecita trattazione dei reclami presentati dai Clienti.

Infatti, secondo le procedure interne, Mamacrowd comunicherà - in un termine non superiore ai 90 (novanta) giorni dalla data di ricezione del reclamo - l'esito finale del reclamo stesso al cliente con le proprie determinazioni per iscritto ovvero mediante posta elettronica, ove questa modalità sia stata autorizzata dal Cliente.

Nel caso in cui Mamacrowd dovesse ricevere comunicazioni di generica doglianza o reclami incompleti, ossia che non contengono tutti gli elementi utili per consentire una sua sollecita trattazione, il cliente potrebbe essere contattato via e mail dal personale autorizzato di Mamacrowd per richiedere le motivazioni alla base della doglianza necessarie per consentire di completare il reclamo. In tal caso il giorno di ricezione del reclamo viene considerato quello in cui lo stesso sarà completato.

Un reclamo viene definito “risolto” qualora sia superato il motivo della lamentela.

Mamacrowd a tal proposito considera “risolto” un reclamo qualora:

  1. sia decorso il termine per le procedure di mediazione o conciliazione stragiudiziale (per totale inattività del ricorrente);
  2. è stato raggiunto un accordo tra le parti per via giudiziaria o stragiudiziaria, mediante transazione o mediante un accordo di acquiescenza (attività del ricorrente conciliata tra le parti);
  3. il ricorrente si sia avvalso delle procedure di conciliazione ed arbitrato previste dalla normativa vigente (attività del ricorrente approdata ad altra sede di esecuzione).

Siamosoci aderisce all’Arbitro Per le Controversie Finanziarie (ACF) https://www.acf.consob.it/web/guest/home. (vedere infra per i dettagli)

I reclami ricevuti vengono valutati anche alla luce degli orientamenti desumibili dalle decisioni assunte dall’ACF e, in caso di mancato accoglimento, anche parziale, del reclamo, l’investitore potrà comunque ricorrere all’ACF e il Gestore fornirà adeguate informazioni circa i modi e i tempi per la presentazione del ricorso all’Arbitro

Meccanismi previsti per la risoluzione stragiudiziale delle controversie

Per le eventuali controversie che dovessero insorgere tra le Parti in merito alla validità, all'interpretazione o all'esecuzione dell'Accordo tra Mamacrowd e l'utente, o che siano comunque connesse ad esso, le Parti si danno atto e accettano reciprocamente di adeguarsi alla seguente procedura:

  1. Le Parti tenteranno in primo luogo una soluzione bonaria tra loro.
    In tal senso la Parte interessata comunicherà per iscritto all'altra Parte un invito ad incontrarsi entro e non oltre un termine di 15 giorni, all'uopo proponendo non meno di tre date alternative in giorni e orari lavorativi, per cercare di risolvere bonariamente tra di loro, senza l'intervento di terze parti, l'insorgenda controversia. (“Invito Bonario” e “Procedimento Bonario”). L'Invito Bonario conterrà una descrizione delle ragioni a base della doglianza.
    La Parte ricevente l'Invito Bonario dovrà rispondere entro e non oltre i successivi 15 giorni, comunicando la data dell'incontro tra quelle proposte dalla Parte interessata e le argomentazioni a base delle proprie ragioni. All'incontro le Parti redigeranno apposito verbale in cui daranno atto del raggiunto accordo bonario o, viceversa, del mancato raggiungimento di un accordo bonario (“Accordo Bonario”);
  2. In caso di mancato raggiungimento dell'Accordo Bonario durante il Procedimento Bonario, la Parte interessata potrà esperire un procedimento di mediazione ai sensi del D.Lgs n. 28 del 2010, come modificato dalla Legge 9 agosto 2013, n.98, di conversione con modifiche del D.L. n.69/2013 (“Procedimento di Mediazione”). Il Procedimento di mediazione è condizione di procedibilità della domanda giudiziale e dovrà essere iniziato presso organismi di mediazione presenti nel luogo del giudice territorialmente compete per l'eventuale controversia giudiziale.
  3. Qualora il Procedimento di Mediazione si concluda senza un accordo o comunque ricorrano le condizioni previste dal D.Lgs n. 28 del 2010, come modificato dalla Legge 9 agosto 2013, n.98, di conversione con modifiche del D.L. n.69/2013, la Parte interessata potrà procedere con l'instaurazione della controversia giudiziale (“Procedimento Giudiziale”). Per il Procedimento Giudiziale, relativo ad ogni controversia riguardante l'instaurazione, l'interpretazione e/o l'esecuzione dell'accordo tra le Parti, ad eccezione dei casi in cui l'utente del Portale possa essere definito quale consumatore ai sensi del D.Lgs n. 206 del 2005, sarà competente in via esclusiva il Foro di Milano.

Ricorso all’Arbitro per le controversie finanziarie

Siamosoci aderisce all’Arbitro Per le Controversie Finanziarie.
https://www.acf.consob.it/web/guest/home.

L’Arbitro per le Controversie Finanziarie (ACF), istituito dalla Consob con la delibera n. 19602 del 4 maggio 2016, è uno strumento di risoluzione delle controversie tra investitori "retail" e intermediari per la violazione degli obblighi di diligenza, correttezza, informazione e trasparenza che gli intermediari devono rispettare quando prestano servizi di investimento o il servizio di gestione collettiva del risparmio.

E’ uno strumento che consente all’investitore di ottenere una decisione su una controversia in tempi rapidi, senza costi e senza obbligo di assistenza legale.

L’ACF assicura imparzialità e indipendenza di giudizio.

Qualora l’investitore non sia soddisfatto della decisione, può comunque rivolgersi all’Autorità giudiziaria. Presentare ricorso all'ACF o ad altro sistema alternativo di risoluzione delle controversie è condizione di procedibilità per avviare un procedimento giudiziario.

Il diritto dell’investitore di ricorrere all’ACF non può formare oggetto di rinuncia da parte dell’investitore ed è sempre esercitabile, anche in presenza di clausole di devoluzione delle controversie ad altri organismi di risoluzione extragiudiziale contenute nei contratti.

 

Dati aggregati sulle offerte

Per ciascuna Offerta pubblicata sul Portale viene reso noto all'interno della scheda dell'Offerta, lo stato delle sottoscrizioni di tempo in tempo realizzate, anche con l'ausilio di tabelle e grafici, nonché il periodo residuo di durata dell'Offerta e la percentuale di partecipazione degli Investitori istituzionali eventualmente aderenti.

Copia di ciascuna scheda di Offerta viene conservata anche dopo la chiusura della stessa, a prescindere dagli esiti, per il periodo previsto dalla normativa.

 

Normativa di riferimento

In calce alla presente pagina sono riepilogati tutti i link utili ad approfondire il crowdfunding, la normativa di riferimento, il registro tenuto dalla CONSOB, la sezione di investor education predisposta dalla CONSOB la sezione speciale del registro delle imprese dedicata alle startup innovative e agli incubatori.

Lista dei Link visualizzati in calce alla pagina:

 

PROVVEDIMENTI SANZIONATORI A CARICO DEL PORTALE

Non sono stati emessi provvedimenti sanzionatori di alcun tipo a carico di Siamosoci S.r.L. relativamente alla gestione del Portale www.mamacrowd.com

 

SANZIONI APPLICATE DAL PORTALE AGLI OFFERENTI INADEMPIENTI

Mamacrowd si riserva di adottare nei confronti degli Offerenti in caso di inosservanza delle regole di funzionamento del Portale, idonee iniziative volte alla tutela del Portale e degli Investitori; le eventuali iniziative sono indicate in modo chiaro nel contratto stipulato con stipulato con l'Offerente per la gestione dell'Offerta, nonché sulla scheda di Offerta pubblicata sul sito.

Nel caso in cui Mamacrowd non prevedesse alcuna iniziativa nei confronti degli Offerenti ne verrà data notizia sulla scheda dell'Offerta pubblicata sul Portale mediante annotazione Mamacrowd non ha predisposto per la presente Offerta alcuna iniziativa con riferimento all'eventuale inosservanza delle regole di funzionamento del Portale da parte dell'Offerente”.

 

All'Offerente non è consentito accedere all'area di pubblicazione del Portale

successivamente alla data di pubblicazione dell'Offerta. Dopo la fase di caricamento, le informazioni da questi fornite al Portale vengono processate ed inserite sul Portale stesso a cura dell'Offerente previa autorizzazione di Mamacrowd. In relazione a tali attività, pertanto, l'Offerente assume tutte le responsabilità in ordine alla consegna dei documenti richiesti e alla completezza e veridicità delle informazioni fornite.

In caso di inadempienza da parte dell'Offerente circa la consegna dei documenti richiesti in ordine all'Offerta e in caso di ritardo nella consegna degli stessi, Mamacrowd si riserva di non pubblicare l'Offerta oppure, se già pubblicata, di bloccarla dandone immediata informazione a tutti gli eventuali Investitori che nel frattempo vi avessero aderito. Mamacrowd 'riaprirà' nuovamente l'Offerta dopo la risoluzione dei sospesi che l'hanno interrotta.

In casi estremi Mamacrowd si riserva di risolvere il rapporto contrattuale con l'Offerente in ordine alla pubblicazione dell'Offerta, informando i sottoscrittori sia direttamente che mediante apposita informazione sul Portale.

In questo caso Mamacrowd si riserva di chiedere i danni all'Offerente.

Mamacrowd impone all'Offerente di mantenere un comportamento equilibrato e ragionevole anche con riferimento alla pubblicizzazione che l'Offerente in via autonoma e distinta dovesse effettuare sui social networks, sul proprio sito o attraverso altre modalità di comunicazione.

L'Offerente è obbligato a utilizzare una comunicazione chiara completa e non fuorviante e non in contrasto con quella utilizzata dal Portale e concordata con l'Offerente. SiamoSoci S.r.L. o il Portale non possono essere ritenuti responsabili di eventuali comportamenti assunti in via autonoma dall'Offerente al di fuori dell'Offerta pubblicata sul Portale.

Chi Siamo

Chi Siamo

Come iniziare

Press

News

Informazioni Societarie

Registro Ufficiale Consob

Arbitro per le controversie finanziarie

L'equity crowdfunding

L'equity crowdfunding

Obblighi del Gestore

Gestione del portale

Investire nel Crowdfunding

Info sulle Offerte

Benefici Fiscali

Verifica di Appropriatezza

Supporto

Supporto

FAQ

Policy conflitti di Interesse

Privacy

Privacy Offerente

Cookies

Termini

Normative

Social media

facebooktwitterinstagramlinkedinyoutube

© 2020 SiamoSoci Srl - P.IVA IT07464370969 - Via Timavo 34, 20124 MI - C.S. € 73.002,82 i.v. - PEC siamosoci@legalmail.it - Iscr. n.8, delib. 19002 del 06/08/14